TERRITORIO DI SINISCOLA

Spiagge bianchissime e natura incontaminata



Siniscola presenta un paesaggio piuttosto vario e accidentato, con colline, pianure fluviali, lagune costiere, rilievi calcarei complessi come il massiccio del Monte Albo, che domina imponente il centro abitato, con cime fino a 1127 metri di altezza. A sud si presentano versanti collinari in scisto coperti di macchia mediterranea, coltivati a pascoli e a vigneti; verso sudest si trovano le conformazioni in granito nell'area costiera verso Capo Comino e Berchida. La costa è prevalentemente sabbiosa con ampie spiagge in cui si alternano rilievi dunali ad aree paludose e sabbiose intervallate da foci di brevi corsi d'acqua.Di notevole interesse, non solo per l'archeologia, ma anche per le caratteristiche geologiche, sono le numerose grotte naturali situate nell'area calcarea del Monte Albo e nei versanti del Monte Latu, nella direttrice verso Olbia. La natura calcarea ha dato luogo ai tipici fenomeni carsici. Sono visitabili infatti le grotte di Sa prejone e' s'orcu, Duar Vuccas, e la cavità  di Sa Conca 'e Locoli, una cavità naturale sulla parete, che costituisce il naturale sbocco di un fiume sotterraneo situata alle falde del Monte Albo.Questa notevole varietà di paesaggi ha costituito da sempre un elemento di forte richiamo sin dall'antichità, con una presenza di attività umane che, in base ai più recenti studi, si possono ripercorrere dalla preistoria sino all'epoca contemporanea.Il suo territorio di circa 20.000 ettari si estende dal mare alla montagna. Ai piedi del Monte Albo, alta e precipite dorsale calcarea, lungo l'omonimo fiume, Siniscola si affaccia verso le spiagge e le scogliere della Costa Orientale Sarda.Il territorio offre una serie di paesaggi agrari e naturali di sorprendente varietà, da quelli montani calcaree dolomitici del Monte Albo a quelli coltivi (agrumeti, vigneti, pascoli) della piana solcata da corsi d'acqua che sfociano in ampie lagune costiere; dalle ondulate colline scistose che limitano l'ampio arenile tra La Caletta e Santa Lucia ai dorati rilievi granitici che degradano nelle rosse scogliere di porfido di Capo Comino, nelle piccole insenature di sabbia bianca e finissima e nella selvaggia bellezza degli stagni e della spiaggia di Berchida.Da molti viene considerata la spiaggia più bella del mondo,non ci si può meravigliare se chi ne giunge viene affascinato dal suo candido affascinante fulgore,dalle sue acque trasparenti di un verde incontaminato e dai bassi dorati "Montes de Mare"che la delimitano alle spalle contribuendo a renderla selvaggia e solitaria,il Crossdromo di Berchida gestito dal MotoClub Siniscola si trova ad un Km dalla Spiaggia di Berchida e di Capo Comino.In questa cornice naturale di grande suggestione e interesse storico ed ambientale risultano evidenti le vocazioni della regione. Siniscola è infatti il centro di gravitazione di un vasto territorio, l'alta Baronia, comprendente una parte della provincia di Nuoro. Tradizionale 'porta' tra le zone costiere a Sud di Olbia e le aree interne delle Barbagie, il centro è dotato di adeguati servizi ed attrezzature di interesse sociale, sede di importanti uffici pubblici, è animato da una crescente utilizzazione delle sue risorse tradizionali (agricoltura, pastorizia, pesca ed artigianato) e da più recenti attività produttive, tra le quali il turismo.Tra le montagne che la circondano, la più alta  il Montalbo con 1.100 mt. di altitudine. Esso è ricchissimo di boschi e sorgenti, ha un territorio di grande interesse naturalistico per la presenza di piante e animali rari, tra cui citiamo l’Aquila Reale del Bonelli? il Muflone, il Cinghiale l’Astore.E’ il posto ideale per il trekking, l’escursionismo e le passeggiate a cavallo. Le sue elevate pareti rocciose attirano gli appassionati di free climbing. Nel percorrere gli antichi sentieri dei pastori si possono visitare le zone panoramiche con i loro maestosi paesaggi, numerose grotte, fiumi e laghi sotterranei.Argenteo blocco calcareo di rara bellezza, offre all’amante della natura una serie notevole di possibilità alternative. Boschi impenetrabili e fauna ormai rara, percorsi naturalistici e reperti archeologici, una flora spesso unica e caratteristici insediamenti di pastori lo rendono unico e affascinante. Non ancora scoperto dal turismo di massa, è in grado di offrire escursioni dal piacere unico e ormai dimenticato.